Image Maximal 10 % des Einkommens für die Krankenkassenprämien (Prämien-Entlastungs-Initiative)

Sì all'abolizione del cambio di orario

(Iniziativa popolare federale)

Il Comitato ritiene che il cambio di orario in estate e in inverno non produca alcun risparmio sul consumo di energia.
Inoltre, il passaggio del tempo è tanto laborioso per le persone, soprattutto per i bambini piccoli e gli anziani, quanto lo è per gli animali, gli insetti e le piante.
Tutti sono liberi di pianificare individualmente l'ora del giorno per se stessi. Non abbiamo bisogno di una regolamentazione collettiva per questo, che sia adattata ai paesi vicini (UE), che comunque ne discutono soltanto.

Armin Capaul

Quindi, da parte mia, sono qui, in un comitato non di parte, per un "SÌ per abolire il cambio di orario". - fienagione nel campo (nel caldo più torrido dove il riposo di mezzogiorno è richiesto per legge!) .
- svegliare le mucche da latte sulle Alpi in modo che il latte sia sulla vostra tavola in tempo...!
- Un sondaggio tra i "contadini svizzeri" ha mostrato che il 58% dei contadini vuole l'ora normale.
- i bambini in età scolare stanno andando di nuovo a scuola al buio!

 

 

 

Gli argomenti principali...


79727694 s

Il Comitato è del parere che cambiare l'orario in estate e in inverno non produca risparmi sul consumo di energia.


30730291 s

Inoltre, il cambiamento del tempo è tanto arduo per l'uomo, soprattutto per i neonati e gli anziani, quanto lo è per gli animali, gli insetti e le piante.


37440069 s

Ogni uomo e ogni donna è libero di pianificare il momento della giornata individualmente per se stesso. Non abbiamo bisogno di un regolamento collettivo per questo, che sia adattato ai paesi vicini (UE), che comunque ne discutono solo.

Argomenti, domande e risposte, miti

Risparmio energetico? Che stupidaggini!

Uno studio comparativo negli USA non è stato in grado di dimostrare alcun effetto di risparmio. Nel 2008 è stato effettuato un confronto tra i consumi di elettricità di quasi 224.000 famiglie nello stato dell'Indiana, dove l'ora legale era stata introdotta solo nel 2006. Il risultato di questo confronto: Il consumo di elettricità era aumentato dell'1% negli anni successivi all'introduzione dell'ora legale. Anche se i risparmi sono stati inferiori in primavera, cioè poco dopo il passaggio all'ora legale, anche i risparmi sono stati inferiori. Tuttavia, questi sono stati di nuovo "consumati" e superati da un consumo di elettricità molto più elevato a fine estate e in autunno. Un altro fattore che ha annullato i risparmi e che ha addirittura aggiunto questo 1 per cento sono stati l'aumento del fabbisogno di riscaldamento nelle prime ore del mattino (ci si alzava un'ora "troppo presto") e un uso più lungo dell'aria condizionata nei giorni caldi (si andava a letto un'ora "troppo tardi").

Nel complesso, la bolletta dell'elettricità della popolazione dell'Indiana è aumentata di 8,6 milioni di dollari all'anno. Secondo le ricerche degli autori di questo rapporto, c'è stato un ulteriore danno ambientale da 1,6 a 5,3 milioni di dollari direttamente collegato al passaggio all'ora legale. Per ulteriori informazioni su questo studio, visitare il sito Daylight Savings Time. L'"Handelsblatt" ha riferito di questo lavoro anche a Il passaggio all'ora legale aumenta il consumo di energia.

Da: Time change abolition! di René Gräber, 24211 Preetz (https://www.zeitumstellung-abschaffen.de/)

"Belle lunghe serate estive" - Cosa?
Perché aspettare il cambio di orario?
Il sogno di una "sana estate"
Conclusione

Testo dell'iniziativa

Die Bundesverfassung[1] wird wie folgt geändert:


Art. 125 Abs. 2

2 In der Schweiz gilt ganzjährig die mitteleuropäische Zeit. Es gibt keine Zeitumstellung von Winter- auf Sommerzeit und umgekehrt.

 

Art. 197 Ziff. 12[2]

12. Übergangsbestimmung zu Art. 125 Abs. 2 (Messwesen)

Der Gesetzgeber erlässt die Ausführungsbestimmungen per 1. Januar des Jahres nach Annahme von Artikel 125 Absatz 2 durch Volk und Stände.

 

 

[1] SR 101
[2] Die endgültige Ziffer dieser Übergangsbestimmung wird nach der Volksabstimmung von der Bundeskanzlei festgelegt.

L'iniziativa è stata lanciata dai seguenti membri del comitato (cognome in ordine alfabetico):

Image

Edith Bürki, Rumendingen

 
(Web-Seite)

Image

Katrin Frischknecht, Forst
 
 
(Web-Seite)

Image

Yvette Estermann, Kriens
Nationalrätin 
 
(Web-Seite)

Image

Hansruedi Fischer, Moosseedorf

 
(Web-Seite)

Image

Armin Capaul, Perrefitte
 
 
(Web-Seite)

Image

Katrin Frischknecht, Forst
 
 
(Web-Seite)

Image

Lukas Reimann, Wil/SG
Nationalrat
 
(Web-Seite)

Image

Roland Schöni, Gsteigwiler
a. Kreisrichter suppl.
 
(Web-Seite)

Questa iniziativa è sostenuta dalle seguenti organizzazioni:

Opinioni selezionate della popolazione e della politica

Media

Image