Image Maximal 10 % des Einkommens für die Krankenkassenprämien (Prämien-Entlastungs-Initiative)

Per la 13a rendita AVS

(Iniziativa popolare svizzera)

Le rendite AVS non bastano per vivere e perdono costantemente valore. Allo stesso tempo, le rendite del 2° pilastro diminuiscono sempre più rapidamente. E questo nonostante i contributi dei lavoratori alla cassa pensioni abbiano raggiunto un picco. Chi va in pensione oggi e domani riceverà meno rendite rispetto ai coetanei che lo hanno preceduto. Gli arretrati pensionistici delle donne sono particolarmente problematici; la parità tra i sessi è molto lontana. Per questo motivo un'ampia alleanza di sindacati, partiti politici, associazioni, organizzazioni di pensionati e di donne lancia l'iniziativa per una tredicesima pensione AVS intorno al fine settimana della Giornata internazionale della donna (8 marzo).

È uno scandalo che nel 2020 le donne avranno ancora pensioni significativamente più basse degli uomini. Più di un terzo di tutte le donne non riceve alcuna pensione dal 2° pilastro in età avanzata. E anche se le donne hanno un fondo pensione, le loro pensioni PK sono in media solo la metà di quelle degli uomini. Questo perché i loro percorsi di vita sono caratterizzati da interruzioni della carriera, lavoro a tempo parziale e salari più bassi. Nell'AVS, invece, le rendite per uomini e donne sono altrettanto elevate perché nell'AVS anche la cura dei figli e dei parenti è riconosciuta come lavoro e porta a rendite AVS più elevate. Solo l'AVS crea questa parità.

 

 

Gli argomenti principali...


79727694 s

Di più per cui vivere!


79727694 s

Meno tattiche spaventose!


79727694 s

Di più per le donne!


79727694 s

Più forte AHV!


79727694 s

Più affidabilità!

Argomenti, domande e risposte, miti

Le pensioni sono troppo basse

Le persone che hanno lavorato tutta la vita meritano una buona pensione. Ma la realtà è ben lontana da questo: la rendita massima dell'AVS è di CHF 2'370.-. La metà delle persone che andranno in pensione nel 2017 dovrà cavarsela con meno di 1'777 franchi di rendita AVS al mese. A questo reddito si aggiungono spesso le rendite della cassa pensioni. Tuttavia, una parte significativa della popolazione è ancora esclusa dal 2° pilastro o riceve solo prestazioni molto basse della cassa pensioni. Nel 2017 la rendita media del 2° pilastro era di 1'838 franchi. Se da questi modesti importi di rendita si detraggono i costi per l'affitto e i premi dell'assicurazione malattia, diventa subito chiaro che non rimane molto da vivere.
Quasi una persona su dieci ha bisogno di prestazioni supplementari subito dopo il pensionamento perché la pensione non è sufficiente per vivere. Sebbene la Costituzione stabilisca da quasi 50 anni che la pensione deve essere sufficiente a garantire il sostentamento.

29 05 2020 15 36 08

Grandi arretrati di pensione per le donne
Perdita di valore delle rendite AVS
Le pensioni delle casse pensioni in una spirale discendente
Aumento della pressione sulle prestazioni AVS e sull'età di pensionamento
La 13a rendita AVS: chi ne beneficia?
La 13a rendita AVS: un investimento conveniente che ha senso per tutti
Ecco perché c'è bisogno di più AVS: la solidarietà è la chiave di volta

Testo dell'iniziativa

La Costituzione federale[1] è modificata come segue:

Art. 197 n. 12[2]
12. Disposizione transitoria dell’art. 112 (Assicurazione vecchiaia, superstiti e invalidità)
1 I beneficiari di una rendita di vecchiaia hanno diritto a un supplemento annuo pari a un dodicesimo della loro rendita annua.
2 Il diritto al supplemento annuo nasce al più tardi all’inizio del secondo anno civile che segue l’accettazione della presente disposizione da parte del Popolo e dei Cantoni.
3 La legge assicura che il supplemento annuo non comporti né la riduzione delle prestazioni complementari né la perdita del diritto a tali prestazioni.

[1] RS 101
[2] Il numero definitivo della presente disposizione transitoria sarà stabilito dalla Cancelleria federale dopo la votazione popolare.

 

Pubblicata nel Foglio federale il 03.03.2020.

Termine della raccolta delle firme: 14.11.2021

L'iniziativa è stata lanciata dai seguenti membri del comitato (cognome in ordine alfabetico):

Image

Allemann Gabriela, Olten

 
(Web-Seite)

Image

Alleva Vania, Bern

 
(Web-Seite)

Image

Carobbio Guscetti Marina, Lumino
 
 
(Web-Seite)

Image

Chervet Denise, Bern
 
 
(Web-Seite)

Image

Dannecker Annette, Zollikon
 
(Web-Seite)

Image

De Filippo Davide, Genève

 
(Web-Seite)

Image

Docourt Martine, Neuchâtel
 
 
(Web-Seite)

Image

Ferrari Aldo, Baulmes
 
 
(Web-Seite)

Image

Grunder Roland, Aigle
 
(Web-Seite)

Image

Gysi Barbara, Will

 
(Web-Seite)

Image

Heim Bea, Starrkirch-Wil
 
 
(Web-Seite)

Image

Ferrari Aldo, Baulmes
 
 
(Web-Seite)

Image

Jaquet-Berger Christiane, Lausanne
 
(Web-Seite)

Image

Maillard Pierre-Yves, Renens

 
(Web-Seite)

Image

Meyer Mattea, Winterthur
 
 
(Web-Seite)

Image

Mordini Patrizia, Bern
 
 
(Web-Seite)

Image

Münger Daniel, Münchenstein
 
(Web-Seite)

Image

Nikolic-Fuss Sandrine, Bettwiesen

 
(Web-Seite)

Image

Porchet Léonore, Lausanne
 
 
(Web-Seite)

Image

Prelicz-Huber Katharina, Zürich
 
 
(Web-Seite)

Image

Rebsamen Heidi, Luzern
 
(Web-Seite)

Image

Rohrbach Samuel, Vicques

 
(Web-Seite)

Image

Rösler Dagmar, Oberdorf
 
 
(Web-Seite)

Image

Tuti Giorgio, Langendorf
 
 
(Web-Seite)

Image

Weichelt Manuela, Zug
 
(Web-Seite)

Image

Ziltener Kathrin, Siebnen

 
(Web-Seite)

Image

Zimmermann Rolf, Bern


 
(Web-Seite)

Questa iniziativa è sostenuta dalle seguenti organizzazioni:

Opinioni selezionate della popolazione e della politica

Media

Image