Image Maximal 10 % des Einkommens für die Krankenkassenprämien (Prämien-Entlastungs-Initiative)

Sì per le rendite esenti da imposte dell'AVS e dell'AI

(Iniziativa popolare federale)

La richiesta non è nuova. Già vecchio consigliere nazionale Hans Kaufmann 2010 e la consigliera nazionale Yvette Estermann Il 2013 ha cercato di rendere la rendita AVS esente da imposte. Purtroppo senza successo.

«La politica ha fallito, Ora è la gente a doverlo fare», ha dichiarato Yvette Estermann alla conferenza stampa nel Media Centre di Berna sull'iniziativa popolare.

Anche se il costo della vita e i premi dell'assicurazione sanitaria sono in aumento, - e in alcuni casi anche le tasse e le imposte, i salari e le pensioni rimangono più o meno gli stessi. Nessun problema, - dice lo Stato. Chi non riesce a gestire il proprio reddito ha la possibilità di usufruire di riduzioni dei premi o di prestazioni supplementari.

Questo non è degno! Le persone qui hanno lavorato e pagato le tasse per decenni. Quando invecchiano o si ammalano, devono chiedere aiuto allo Stato. Non è possibile!

Il Consiglio federale e il Parlamento sono pronti, di trasferire oltre un miliardo di euro all'UE per «riabilitare» gli ex Paesi dell'Est. Anche se questi paesi mostrano spesso una crescita economica superiore a quella della Svizzera!

L'iniziativa popolare «SÌ, alle rendite AVS e AI esenti da imposte » vuole cambiare le cose. La propria popolazione, quella più anziana, che svolge un ruolo decisivo nella prosperità odierna, dovrebbe essere alleviata.

Ma chi ne soffre di più, quando la situazione economica si deteriora? I beneficiari di rendite AVS e AI! Ecco perché dobbiamo prendere delle precauzioni adesso.

 

Gli argomenti principali...


79727694 s

SBAGLIATO!
Aumento del costo della vita e dei premi dell'assicurazione malattia - salari e rendite rimangono più o meno gli stessi.


79727694 s

UNWORTHY!
Coloro che hanno una rendita troppo bassa saranno spinti verso le prestazioni complementari.

L'iniziativa è stata lanciata dai seguenti membri del comitato (cognome in ordine alfabetico):

Risparmio energetico? Che stupidaggini!

Uno studio comparativo negli USA non è stato in grado di dimostrare alcun effetto di risparmio. Nel 2008 è stato fatto un confronto tra i consumi di elettricità di quasi 224.000 famiglie nello stato dell'Indiana, dove l'ora legale era stata introdotta solo nel 2006. Il risultato di questo confronto: il consumo di energia elettrica era aumentato dell'1% negli anni successivi all'introduzione dell'"ora legale". Anche se ci sono stati risparmi minori in primavera, cioè all'epoca poco dopo il passaggio a "Tempo d'estate". Tuttavia, questi sono stati di nuovo "divorati" e superati da un consumo di elettricità molto più elevato a fine estate e in autunno. Un altro fattore che ha annullato i risparmi e ha addirittura aggiunto questo 1 per cento è stato l'aumento del fabbisogno di riscaldamento nelle prime ore del mattino (ci si alzava un'ora "troppo presto") e un uso più lungo dell'aria condizionata nei giorni caldi (si andava a letto un'ora "troppo tardi").

Nel complesso, la bolletta dell'elettricità della popolazione dell'Indiana è aumentata di 8,6 milioni di dollari all'anno. Secondo le ricerche degli autori di questo rapporto, ci sono stati da 1,6 a 5,3 milioni di dollari in più di danni ambientali direttamente legati al passaggio all'ora legale. Per ulteriori informazioni su questo studio, consultare il sito Daylight Savings Time. L'"Handelsblatt" ha riferito di questo lavoro anche a Il passaggio all'ora legale aumenta il consumo di energia.

Da: Time change abolition! di René Gräber, 24211 Preetz  (https://www.zeitumstellung-abschaffen.de/)

"Belle lunghe serate estive" - Cosa?
Perché aspettare il cambio di orario?
Il sogno di una "sana estate"
Conclusione

Testo dell'iniziativa

La Costituzione federale1 è modificata come segue:

Art. 111 cpv. 1bis

1bis Se una persona percepisce una rendita dell’assicurazione federale vecchiaia, superstiti e invalidità e il suo reddito annuo ammonta al massimo a 72 000 franchi, la rendita è esente da imposta

 

[1] SR 101

Pubblicata nel Foglio federale il 24.09.2019

Termine della raccolta delle firme: 04.06.2021

L'iniziativa è stata lanciata dai seguenti membri del comitato (cognome in ordine alfabetico):

Image

Estermann Yvette, Kriens
Nationalrätin 
 
(Web-Seite)

Image

Frischknecht Martin, Forst
 
 
(Web-Seite)

Image

Frischknecht-Hasler Katharina, Forst
 
 
(Web-Seite)

Image

Keller Roland, Basel
 
 
(Web-Seite)

Image

Schöni Daniel, Benzenschwil
 
(Web-Seite)

Image

Schöni Roland, Gsteigwiler
a. Kreisrichter suppl.
 
(Web-Seite)

Image

Schöni Theres, Benzenschwil
 
 
(Web-Seite)

Questa iniziativa è sostenuta dalle seguenti organizzazioni:

Opinioni selezionate della popolazione e della politica

Media